• 30/01/2017

LOCAL SEARCH MARKETING

Fatti trovare da chi ti sta cercando

LOCAL SEARCH MARKETING

1024 576 Elvio Boeri

Quasi sicuramente hai già sentito parlare di Local Search Marketing ma, se così non fosse, lascia che ti spieghi in poche parole di cosa si tratta con un esempio banalissimo, preso da un frammento di vita reale a cui mi è capitato di assistere qualche giorno fa, mentre mi trovavo in un bar del centro di Torino.

Due signore apparentemente della stessa età, diciamo sulla settantina, stavano sorseggiando il loro tè quando una delle due chiede all’altra se per caso conoscesse una buona gelateria artigianale in zona. L’amica le risponde di no ma le chiede di darle un minuto. Prende la borsa, tira fuori foglietti di carta, pacchetto di fazzoletti, chiavi, occhiali e, trovato lo smartphone, si mette alla ricerca e comincia a elencare i risultati.
“Che meraviglia! Ci hai messo un attimo! Lo voglio anche io…”

Ecco, questa è la potenza del Local Search Marketing.
Fino a qualche anno fa probabilmente le due signore si sarebbero rivolte al cameriere del bar o avrebbero consultato per ben più di un minuto le Pagine Gialle ma oggi, con Internet, e soprattutto con la possibilità di accedervi anche in mobilità, il nostro modo di cercare è cambiato drasticamente ed evolverà ancora. Di qualunque cosa abbiamo bisogno, ormai ci è chiaro che ciò che ci separa dall’ottenere un mondo di informazioni, è qualche clic.

Google, Google My Business, Google Maps e simili, sono strumenti comodissimi – e non sono gli unici – per andare alla ricerca di attività commerciali locali. Di questo dovrebbero esserne consapevoli imprenditori, professionisti e artigiani, o quantomeno dovrebbero comprendere quali benefici  possono trarre dagli strumenti che la tecnologia mette a loro disposizione. Un vantaggio fra tutti? Maggiore visibilità che significa aumentare le vendite.

Non è forse vero che uno dei fondamenti del marketing è proprio quello di trovarsi là dove ci sono clienti da coinvolgere? Concorderai con me che se ci sono clienti che ti stanno cercando, sarebbe da masochisti non offrire loro le informazioni di cui hanno bisogno. Eppure c’è ancora qualcuno che pensa che internet e gli smarphone siano utilizzati solo dai ragazzini per messaggiare…

C'era una volta l'elenco telefonico...

A chi conviene investire in Local Search?

Premesso che non occorrono investimenti faraonici per rendersi più visibili, le attività che traggono i vantaggi maggiori dalla Local Search, sono quelle che possono contare sulla clientela locale come, per esempio, gli artigiani (fabbri, idraulici, parrucchieri, officine ecc.), i ristoranti, le pizzerie e i locali di somministrazione (bar, enoteche ecc.), i professionisti e i negozi in genere.

E’ davvero utile a tutte queste attività?

Per stabilire il grado di utilità del mezzo, occorre considerare alcuni fattori. Se l’attività ha sede in un grosso centro abitato, in qualunque zona della città pulsi il suo cuore, è utilissimo se non addirittura indispensabile. La stessa cosa dicasi per chi svolge la sua attività in piccoli centri turistici dove, in alcuni periodi dell’anno, cresce il numero degli abitanti e delle persone di passaggio. E’ invece assai meno importante, che non significa “inutile”, per chi opera in centri piccoli che non rappresentano un’attrazione turistica e in cui gli abitanti sanno esattamente dove andare, quando hanno bisogno di qualcosa.

Ci sono strategie migliori di altre per fare Local Search Marketing?

La strategia migliore che conosco è la seguente: fare le cose per bene. In caso di Local Search Marketing ci sono alcuni passaggi obbligati da seguire con attenzione. Andiamo per punti.

Google My Business

La scheda di Google My Business, che tu lo voglia o no, è già online e quindi, se ancora non lo hai fatto, ti conviene rivendicarla e compilarla inserendo le informazioni corrette e alcune fotografie (oltretutto, se la compili in autonomia, non devi spendere un centesimo!). Fatto il primo passo non dimenticarti di tenerla aggiornata, apportando le modifiche necessarie all’occorrenza, come per esempio un cambio di orario, una chiusura straordinaria (ferie o motivi personali) e altre cose del genere.
Inoltre è indispensabile verificare periodicamente che sia tutto in ordine e, se ci sono recensioni, rispondere anche semplicemente con un “grazie”!
Parola d’ordine: monitoraggio costante.


LEGGI QUESTO POST: GOOGLE MY BUSINESS

Sito web

Avere un sito, e associarlo alla tua scheda di Google My Business, è determinante perché ti consente di andare in profondità e di raccontarti al meglio alla clientela. Per cominciare non ha importanza che sia completo (con il tempo crescerà), ma deve rappresentare uno spazio riconducibile alla tua attività, che parli di te e di ciò che fai. A mio avviso, ma non sono l’unico a pensarla in questo modo, è importantissimo dotarsi di un dominio personale e non appoggiarsi a uno dei svariati fornitori di servizi gratuiti (leggi questo post e valuta). E’ una questione di prestigio.

Non è questo il post per spiegare come deve essere un sito per avere successo. Del resto avrai notato anche tu che in rete si trovano splendidi siti, magari minimali, in cui trovi le informazioni che stavi cercando (o che ti invitano a chiederle), e altri pieni di “roba” che non servono proprio a nulla. Credo sia facile capire quali sono quelli che riscuotono il maggior successo.


LEGGI QUESTO POST: SITO SI’ O SITO NO
E QUESTO: SITO GRATIS?

SEO

Questo aspetto è legato al sito e si può semplificare così: pubblica contenuti congrui che rispondano alle esigenze dei clienti e che indirizzino un po’ di link verso il tuo sito. Questa è una buona base di partenza. Certo… fare SEO non è solo questo ma ho voluto semplificare al massimo per renderti l’idea. Non aggiungo altro per evitare di confonderti.

Informazioni precise

Tu sai esattamente quello che fai, conosci a menadito la situazione della tua attività e commetteresti un errore madornale se non condividessi le informazioni di base con i tuoi clienti: orario di apertura e di chiusura ma anche quello migliore per farti visita, possibilità di parcheggio, mezzi pubblici nelle vicinanze. Tutte cose che, come dicevo, tu conosci bene e che è buona cosa condividere con i potenziali clienti.

Coinvolgi

Sei sicuramente una brava persona e hai un sacco di clienti affezionati. Allora perché non chiedere a loro di aiutarti, magari scrivendo una recensione e dandoti un buon punteggio? Le persone sono felici quando possono rendersi utili: basta coinvolgerle! E siccome sei anche un ottimo imprenditore, sono certo che sai esattamente cosa e come fare.


LEGGI QUESTO POST: GENERAZIONE SOCIAL

Local Search Marketing 3
Parla con le persone

Non hai a disposizione solo Google e quindi non limitare la tua presenza online! Guardati intorno e parla con i tuoi clienti perché ascoltando le loro esigenze, ti renderai conto di ciò che può esserti realmente utile per incrementare la tua clientela, dopodiché non ti resta che sbizzarrirti con l’estro e la fantasia!

Tornando alle due signore di cui scrivevo all’inizio… Quando le ho lasciate, quella con lo smartphone stava spiegando all’altra che se ne avesse preso uno anche lei, avrebbe potuto installare Whatsapp per parlare gratis con i suoi nipoti e Google Maps per trovare tutti gli indirizzi, eccetera eccetera…
Siamo proprio sicuri che lo smartphone sia uno strumento utilizzato solo dai giovani?

Fammi sapere come è andata e se hai delle domande… mi trovi qui.

LEGGI ANCHE

GOOGLE MY BUSINESS – SITO UFFICIALE

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Procedendo con l'invio, dichiaro di aver letto e di accettare le condizioni POLICY COOKIE
ACCETTO